Atteggiamento scoliotico

TESTIMONIANZA:
MIA FIGLIA È GUARITA DALLA SCOLIOSI GRAZIE ALL’OSTEOPATA Giacomo De Carlo

Prima di iniziare l’anno scolastico, come ogni anno, portai mia figlia Francesca a fare la visita di controllo dal pediatra. Quel giorno il pediatra mi parve preoccupato per la correttezza della schiena di mia figlia e mi chiese di eseguire dei raggi alla colonna vertebrale. 
Dopo pochi giorni, ritornai nel suo studio con il referto che riscontrava un’ampia deviazione scoliotica destro-convessa dorsale e curva scoliotica secondaria di compenso sinistro-convessa. L’ala iliaca di destra è sopraelevata di circa 9 mm.
(Rx che mostrano curva scoliotica Dx convessa di 58 gradi – curva scoliotica di compenso lombare di 36 gradi)
Era molto evidente. Mi consigliò una visita specialistica con l’ortopedico, il quale confermò la diagnosi scoliotica e programmó per almeno 2 anni un corsetto Cheneau da portare 23 ore al giorno.
Il tutto fino almeno all’età dei 18.
Mia figlia non voleva assolutamente tutto ciò. 
Nel frattempo mi era stato consigliato da una mamma che conoscevo, un osteopata di nome Giacomo De Carlo che aveva lo studio a Mottola, dalle mie parti. 
Presi l’appuntamento e portai Francesca nel suo studio, dove già in sala d’attesa si avvertiva un senso di calma e serenità. Giacomo vide i documenti e visitò mia figlia con molta accuratezza e simpatico garbo nei suoi confronti. Mi fece toccare la curvatura della schiena e mi fece capire con pazienza e chiarezza quale fosse la situazione e poi mi disse: ti consiglio un ciclo di sedute osteopatiche dapprima a cadenza settimanale e poi bisettimanale per qualche mese e vedrai che la schiena di Francesca tornerà dritta! 
Mi fidai e portai Francesca per 2 mesi ogni settimana a fare una seduta di osteopatia e trascorsi questi mesi la schiena era migliorata a tal punto che la gobba non si vedeva quasi più. 
Abbiamo subito seguito i raggi di controllo ricevendo questo referto:
“Attualmente riconoscibile incurvamento destro-convesso del rachide dorsale di 33 gradi e ridotta curva sinistro-convessa del rachide in corrispondenza del tratto lombare di 23 gradi.
L’ala iliaca di sinistra è più alta della contro laterale di circa 0,5 cm.” 
Ho chiesto un parere al pediatra il quale mi ha rassicurato che la situazione stava rientrando nella norma e mi ha consigliato di continuare le sedute osteopatiche perchè i risultati avuti fino a quel momento erano più che positivi.

È passato un anno, faccio il controllo una volta ogni 6 mesi dall’osteopata. Francesca ha ripreso da subito la danza, è felicissima e non fa altro che ringraziare il dott. ogni volta che ci rechiamo da lui. (Avrebbe avuto ancora il busto se non avessimo fatto tutto ciò).
Sinceramente, appena sento qualche genitore preoccupato per la postura dei figli, consiglio a tutti una visita da Giacomo.
Grazie di cuore dott. De Carlo!!

(Allego raggi di mia figlia prima e dopo le sedute di osteopatia, fermo restando la nostra volontà di restare in anonimato sul web. Se qualche genitore ne ha bisogno, può rivolgersi a Giacomo per metterci in contatto)