Durante il periodo della gravidanza il corpo della donna subisce profonde trasformazioni. La sua struttura anatomica e fisiologica dovrà attuare dei cambiamenti per fare spazio al futuro nascituro che accoglie dentro di sé. Il feto piano piano cresce adattandosi all’ambiente che lo ospita.

Il bambino che cresce nel grembo materno porta ad uno spostamento del centro di gravità associato ad importanti cambiamenti posturali, i quali saranno necessariamente integrati nell’equilibrio generale della nuova coppia.

L’osteopatia è una tecnica efficace che può accompagnare le donne anche nel periodo più bello e delicato delle loro vite: la gravidanza.

Essendo una pratica che non si serve né di farmaci né di strumenti, si può utilizzare traendone ottimi benefici per tutta la durata della gestazione.

Le manipolazioni osteopatiche consentono di arrivare al parto in condizioni fisiche ottimali. Durante la seduta, l’osteopata lavora soprattutto sul bacino e sul diaframma, che, durante la gravidanza, subiscono le tensioni maggiori.

Il bacino al momento del parto subisce i cosiddetti cambiamenti di nutazione, che consentono l’aumento di diametro necessario per far passare la testolina del bambino. E’ importante che le articolazioni del bacino siano libere e mobili per agevolare il movimento. Le manipolazioni dell’osteopata riducono le tensioni dolorose della mamma, aiutando dolcemente il suo bambino.

Il diaframma, col trascorrere dei mesi viene compresso dalla crescita del pancione. L’osteopata, mediante le manipolazioni, agevola la funzionalità respiratoria che è fondamentale durante il parto. In questo modo, la mamma si liberare dalle tensioni, fisiche ed emotive, ossigenando tutto l’organismo, che trarrà di conseguenza enorme giovamento.

Lo scopo del trattamento osteopatico è quello di donare alla mamma un benessere ed un equilibrio che le permetteranno di vivere una gravidanza serena, accompagnandola ad un parto il più possibile naturale e privo di complicazioni.

Inoltre, l’osteopatia è anche utile nei mesi successivi alla nascita, migliorando i disagi vascolari e muscolo tendinei a seguito delle dilatazioni e delle spinte del parto.