ASMA: COME BLOCCARE LE CRISI IN MODO NATURALE

L’asma è tra le patologie più diffuse al mondo. Lo dice l’Organizzazione mondiale della sanità, secondo cui tra i 100 e i 150 milioni di persone soffrono di questa condizione in tutto il mondo. L’asma è una malattia respiratoria complessa che si manifesta attraverso una infiammazione cronica delle vie aeree.

In termini economici, l’asma incide più della tubercolosi e dell’Hiv combinati (fonte Epicentro.iss.it) e solo in Italia – dove si contano circa 3 milioni di malati d’asma – costa al Servizio Sanitario Nazionale ben 1,7 miliardi di euro l’anno.

La notizia è che è possibile bloccare le crisi asmatiche con dei semplici rimedi naturali, e non certo con i broncodilatatori, soprattutto quelli a lunga durata, che invece andrebbero riconsiderati, tanto è vero che in diverse nazioni sono stati ritirati dal mercato.

Da un punto di vista strettamente fisiologico, dunque naturale, il corpo restringe i bronchi per evitare la dispersione di anidride carbonica; i broncodilatatori fanno esattamente il contrario, dando un beneficio immediato ma un aggravamento a lungo termine.
L’assunto da cui invece non si prescinde è che per bloccare le crisi asmatiche deve aumentare l’anidride carbonica interna.

Ecco tre soluzioni per interrompere una crisi d’asma:

  1. Respirare con la bocca in un sacchetto di carta impedendo che esca aria.
    In questo modo nel sacchetto aumenta l’anidride carbonica respirata e la crisi d’asma si interrompe
  2. Fare un’apnea alla fine di un’espirazione (metodo Buteyko) e mantenerla più a lungo possibile. Anche questo metodo ha il beneficio di far aumentare l’anidride carbonica endogena
  3. Il terzo metodo è più meccanico ed è proposto dal francese Gesreit: posizionare la mano destra sotto l’ascella sinistra nel punto più alto e premere, col dito medio, il punto più doloroso nel costato e massaggiarlo con insistenza nonostante il dolore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *